Le regole per non fare brutta figura (se sei una blogger o influencer)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su pinterest
Pinterest
Consigli per Blogger
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Come azienda ci capita spesso di essere contattati da blogger o “influencer” per provare i nostri prodotti. Naturalmente non possiamo che esserne lusingati! Ma come i più attenti di voi avranno notato, nella riga precedente abbiamo intenzionalmente messo la parola Influencer tra virgolette. Infatti stiamo notando sempre di più che questo termine viene spesso (forse troppo) abusato, attribuendosi un ruolo che non è proprio quello che si fa in realtà. Questo atteggiamento può far storcere il naso (anche a noi) e non far fare troppa bella figura a chi sta scrivendo. Abbiamo deciso di stilare alcuni consigli che, a nostro giudizio, possono aiutare in un primo approccio con le aziende (e magari farvi fare una bella recensione).

Se non siete Chiara Ferragni, introdurre se stessi non fa mai male. Internet è pieno di persone che cercano di approfitare del prossimo, facendo finire puntualmente quella mail nel cestino o nella cartella spam. Evitate sempre di sviare sul chi siete o cosa fate, sia perchè gli impegni di chi legge sono sempre tanti (e non si vuole perdere tempo a immaginarsi il proprio interlocutore) sia per inquadrare la vostra figura all’interno del mondo digitale. Ricordatevi sempre che presentarsi su internet è più difficile che nella vita reale! In una mail abbiamo bisogno di inviare molte più informazioni di quelle che servirebbero in una semplice conversazione faccia a faccia.

Link alle vostre pagine

Per un blogger o Influencer il vero valore sta nelle recensioni che fanno e dal numero di persone che li seguono. Quello che abbiamo notato è che molto spesso non vengono inseriti i link ai relativi blog e alle pagine social che vengono amministrate. Un’azienda vede come una perdita di tempo il dover chiedere a un blogger quali sono i suoi riferimenti e, spesso, vengono ignorati (non sempre per mancanza di tatto, ma proprio perchè non si ha tempo). Basta molto poco, davvero, e la figuraccia è quasi (il condizionale è d’obbligo) evitata.

state vendendo un prodotto: voi stessi!

Sembra scontato ma non lo è: un blogger deve vendere prima di tutto se stesso. Qui purtroppo non basta una mail scritta bene. Quando un’azienda (o un qualsiasi avventore delle rete) arriva sul vostro sito ha per forza una opinione che basa sulla prima impressione. Avere un sito curato, scritto bene (senza strafalcioni grammaticali, ci sentiamo di aggiungere), con un pubblico ben definito, è quello che sicuramente vi farà avere una risposta affermativa alla vostra richiesta di recensione. Scrivere un blog o seguire dei canali social è molto, molto, impegnativo. Non è una cosa da fare a tempo perso, altrimenti l’impressione che i vostri lettori avranno, sarà appunto questa: una cosa fatta nei ritagli di tempo (e voi perderete di credibilità). Basta andare su internet e vedere la differenza tra chi si improvvisa scrittore e chi, al contrario, fa investimenti e crede nella sua attività online.

Studiate, comprate dei libri sull’argomento, osservate i vostri concorrenti. Tra le mani avete un business potenzialmente enorme che potreste gettare via in un attimo!

non chiedete i prodotti gratis!

Una delle cose che proprio non piace è proprio quando ci viene chiesto espressamente un prodotto Gratis. Mettiamo in chiaro una cosa: le aziende decideranno di inviarvi un prodotto solo ed esclusivamente se a loro andrà! Se viene chiesto (come ci è capitato e capita quasi tutti i giorni) in maniera anche un po’ arrogante un prodotto gratuito la mail finisce direttamente nel cestino. Giusto per essere chiari! Dietro a quel prodotto c’è del lavoro, anche lungo, e di certo nessuna azienda va a regalare i propri prodotti solo perchè qualcuno glielo chiede. Un po’ di rispetto non guasta mai!

Se avete molto seguito, blog specifico, ben curato e non avanzate pretese arroganti, un’azienda sarà sicuramente interessata a farsi vedere sulle vostre pagine! In caso contrario, se avete 50 follower, un sito senza un layout e con le recensioni del salumiere sotto casa (con tutto il rispetto per tutti i salumieri d’Italia) di sicuro non è appetibile per un’azienda (a meno che voi non siate il salumiere).

Non mandate mail a casaccio!

Mettetevi nei nostri panni: se un/una blogger che dice di “recensire prodotti cosmetici” ci chiede di valutare uno dei nostri prodotti, cosa possiamo fare noi? Naturalmente rifiutare la gentile richiesta! Quando si mandano mail a casaccio, a tutte le aziende che si incontra su internet in ordine alfabetico, anche qui la figuraccia è dietro l’angolo! Come produttori di prodotti ceramici, non abbiamo alcun interesse a finire in mezzo a balsami e profumi. L’appetibilità delle vostre pagine nasce anche dalla vicinanza tra quello che siete soliti recensire con quello che produce il business che state contattando! Se non fate una piccola ricerca prima di inviare la mail, questo sarà una perdita di tempo per voi, che non otterete quello che volevate, e per l’azienda.

 

Ci auguriamo di esservi stati d’aiuto ! Se avete qualche altro suggerimento per noi, o per gli amici blogger, scriveteci un commento, oppure condivite questo articolo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Lascia un commento

Scopri altri articoli!

Come scannerizzare una fotografia

Come scannerizzare una fotografia

Bastano pochi passaggi per rendere le vostre immagini perfette per l’invio al vostro fotografo o a noi di Dekal. Scopriamoli insieme!

hero-graphic-free-img.png